Cerca nel sito

Istituzioni educative/formative diurne e centri residenziali per disabili

Definizione e prestazione dei Servizi

In applicazione della L. 104 del 92 che tutela i diritti dei disabili, il Servizio Sociale Comunale, in collaborazione con il Servizio disabilità dell’A.S.L. provvede ad organizzare l’inserimento delle persone portatrici di handicap in istituzioni educative e centri residenziali anche extraterritoriali.
Queste strutture offrono servizi adeguati al bisogno, dispongono di operatori specializzati e possono essere a frequenza diurna o, nei casi più gravi, residenziali.

Destinatari e modalità di accesso al Servizio

Le persone con disabilità grave e medio grave.

La richiesta va indirizzata all’ A.S.L.. La frequenza ai centri diurni e residenziali comporta un costo a carico della famiglia, determinato in base alla retta di frequenza e redditi familiari in base ai criteri stabiliti dagli specifici regolamenti comunali.

Tipologia dei servizi

C.D.D. Centro Diurno Disabili. Il Centro Diurno Disabili è una struttura non residenziale che accoglie giornalmente soggetti con notevoli compromissioni dell’autonomia nelle funzioni elementari; è una struttura di sostegno alla famiglia e ha come obiettivo di migliorare le condizioni di vita delle persone portatrici di disabilità, evitando la loro istituzionalizzazione.

S.F.A. Servizio Formazione Autonomia. Si tratta di un Servizio diurno volto ad utenti con disabilità mentale medio lieve tendente a favorire e promuovere il più possibile l’autonomia personale, la socializzazione ed a orientare le potenzialità lavorative, laddove il raggiungimento degli obiettivi in merito all’autonomia lo rendano possibile.

R.S.D. Residenza Sanitaria Disabili. I centri residenziali sono residenze protette collettive che accolgono soggetti con gravi o gravissime limitazioni dell’autonomia funzionale, che necessitano di un supporto assistenziale specifico, nonché di prestazioni sanitarie, che sono impossibilitati a rimanere in via temporanea o permanente nel proprio nucleo familiare.

Inserimenti

INSERIMENTI COMUNITA’ ALLOGGIO
Sono strutture residenziali che accolgono soggetti con disabilità medio grave impossibilitati a rimanere in via temporanea o permanente presso il nucleo familiare.
L’inserimento in tale strutture non preclude la frequenza in centri diurni (C.D.D. e S.F.A.)
Consorzio Garda Formazione. E’ un servizio gratuito finanziato dalla regione a carattere educativo-formativo finalizzato all’acquisizione di abilità lavorative; obiettivo è l’inserimento in un normale ambiente di lavoro. Si rivolge a portatori di disabilità di grado lieve.
Sul territorio sono presenti il C.D.D. di Toscolano Maderno, lo S.F.A. di Roè Vociano, la R.S.D. di Toscolano Maderno, la Comunità Alloggio di Maderno ed il Consorzio Garda Formazione di Toscolano Maderno.

INSERIMENTI SOCIO LAVORATIVI
In collaborazione con gli operatori dell’A.S.L. –Servizio N.I.L.- (Nucleo Inserimento Lavorativo) e/o del Consorzio Garda Formazione e S.F.A. attua iniziative rivolte all’inserimento sociale e lavorativo di persone disabili quali “borse lavoro”, tirocini lavorativi e socializzanti.

INSERIMENTO CRED
Ai minori portatori di disabilità che già usufruiscono dell’assistente ad personam durante l’anno scolastico viene garantita, se frequentano il centroestivo, il supporto di uno specifico educatore, senza che ciò comporti un onere aggiuntivo per la famiglia.

Partecipazione degli utenti al costo dei servizi

La frequenza al C.D.D. e allo S.F.A. contempla una compartecipazione al costo della retta da parte della famiglia in percentuali diverse in base ai redditi del nucleo familiare.